LA LA LAND all’ASTROLABIO

DA SABATO 25 A LUNEDI 27 FEBBRAIO 2017

sabato 25 – ore 21.15;  prezzo speciale € 3,00 (raggiungete l’Astrolabio a piedi)
ATTENZIONE: in occasione della messa del Papa nel Parco di Monza, dalle ore 6.00 alle ore 24.00 di sabato 25 sarà interdetta la circolazione dei veicoli a motore su tutto il territorio comunale.

Domenica 26 – ore 21.15; intero € 6,00 ridotto residenti, over65, studenti € 5,00
Prima del film è prevista una coreografia in collaborazione con NG Dance

Lunedì 27 – ore 21.15; intero € 6,00 ridotto residenti, over65, studenti € 5,00

LA LA LAND

Regia di Damien Chazelle. Con Ryan Gosling, Emma Stone, J. K. Simmons, Finn Wittrock, Sandra Rosko. Commedia, durata 126 min. - USA 2016.

La La Land è un omaggio dichiarato al musical classico, tra numeri di tip-tap e ricostruzioni in puro stile Vincente Minnelli che racconta la storia d’amore complicata tra l’aspirante attrice Mia (Emma Stone) e il musicista Sebastian (Ryan Gosling) che sogna di aprire un jazz club tutto suo.
Sembra di rivedere il Coppola di Un sogno lungo un giorno, specie nell’uso delle scenografie, ma il film di Chazelle è soprattutto il racconto di un amore malinconico e moderno, contrastato non dalla società né dagli eventi della Storia come da tradizione melodrammatica, ma dalle personalità di ognuno dei protagonisti, dalle difficoltà a far collimare i propri sogni e le proprie ambizioni personali con la capacità di supportare un’altra vita, altri sogni.
Segue le stagioni di Los Angeles (il cui titolo è un affettuoso soprannome dato dagli artisti) e due vite colte in un momento di passaggio fondamentale, quello in cui i sogni si tramutano in realtà, trasformando la vita in qualcosa di difficile da gestire. E questo racconto nevrotico e “alleniano” prenderà le forme del film musicale, dei balletti nel traffico di Los Angeles, delle danze e delle canzoni al tramonto che puntano a far breccia nel cuore di ogni appassionato.
Come in Io e Annie, Los Angeles sembra essere la terra dei rimorsi e dei rimpianti, dei sogni perduti che i protagonisti devono lottare per tenere in piedi. E così Chazelle non vuole limitarsi a omaggiare canzoni, balli, movimenti di macchina e scelte stilistiche del passato, ma prova a darne la propria lettura personale così come la batteria era diventata la chiave di lettura di un duello, di uno scontro, di un gioco al massacro.
La La Land è un musical, certo. E una commedia romantica. E anche un dramma intimista sullo scontro tra affetti e ambizioni. Di certo è un film che trabocca di citazioni e suggestioni importanti. Ma soprattutto, è un’opera di sentimenti e invenzioni cinematografiche, la conferma di un talento per nulla nostalgico o di retroguardia. Quello di Damien Chazelle.

trailer

I commenti sono chiusi