A CASA NOSTRA DAL 19 MAGGIO AL CINEMA ROMA

DA VENERDI 19 A MARTEDI 23 MAGGIO

orario spettacoli: venerdi,sabato, lunedì e martedì ore 21,15 –
domenica ore 15,00 – 17,30 – 21,15
Ingressi feriali € 6,00 ridotti € 5,00 Festivi e prefestivi € 7,00 ridotti € 5,50

A CASA NOSTRA

Regia di Lucas Belvaux. Con Émilie Dequenne, André Dussollier, Guillaume Gouix, Catherine Jacob, Anne Marivin. Drammatico - Francia, Belgio, 2017, durata 117 minuti.

Pauline Duhez è la candidata perfetta: è un'infermiera della zona di Pas de Calais gentile con tutti, anche con i musulmani, è figlia di un militante comunista e tutti la amano. Inoltre il dottore e politico Philippe Berthier la conosce bene ed è determinato a convincerla ad accettare di partecipare alle prossime elezioni per il RNP, che è solo un altro modo per dire Front National. Anche la leader del partito, la combattiva Agnès Dorgelle, ritiene che sia la candidata perfetta, ma sorge un problema quando Pauline si innamora di Stéphane, detto Stanko, insegnante di calcio di suo figlio. Stanko conduce infatti una doppia vita, ben nota a Berthier, perché la notte partecipa ad azioni punitiva insieme alla sua squadraccia xenofoba. Rappresenta dunque l'immagine da cui il RNP cerca con tutte le proprie forze di ripulirsi, preferendo alle azioni violente la campagna di notizie fasulle e virulente in rete, in cui si lancia il figlio di un'amica di Pauline.

Belvaux si pone la domanda che hanno in testa da tempo tanti politologi ed elettori francesi: come può la figlia di un operaio metallurgico comunista finire per candidarsi per il Front National, un partito oltretutto di cui sa molto poco? Una tinta di biondo, qualche foto e un sorriso alla presentazione per la stampa: si limita a questo l’impegno richiesto, niente condivisione di un programma e per mandare avanti il paese ci penseranno “i funzionari e gli esperti burocrati”. La sconfitta delle idee, delle proposte concrete, per una verniciatura linguistica che sia di conforto agli elettori, li liberi dal tabù di votare la destra estrema.

L’abilità di Lucas Belvaux è quella di seminare dubbi e domande, senza forzare le risposte attraverso personaggi troppo immersi nella caricatura, pur non nascondendo il suo punto di partenza: la pericolosità della riconversione democratica frettolosa.

 

I commenti sono chiusi