Rassegna IL GIRO DEL MONDO CON 15 FILM 2019

Rassegna IL GIRO DEL MONDO CON 15 FILM
CINEMA ROMA SEREGNO
DALL'8 GENNAIO 2019
Spettacoli ore 21,30 -
Giovedì anche il pomeriggio ore 16,00

 

 

 

Tessere con posto prenotato nei giorni di martedì e mercoledì,
posti liberi il giovedì
Ingressi:
intero € 6,00 ridotto € 5,00
ridotto Amici cinema Roma € 4,50
Tessera valida per 15 film € 55,00

 


 

Da Martedì 8 a Giovedì 10 Gennaio
ROMA

Regia di Alfonso Cuarón. Con Yalitza Aparicio, Marina de Tavira, Marco Graf, Daniela Demesa
Drammatico – Durata:  135 minuti – Messico, 2018

Roma è il più importante progetto ad oggi del regista e sceneggiatore premio Oscar Alfonso Cuarón .  Il film, ambientato negli anni '70 a Città del Messico, racconta un anno turbolento della vita di una famiglia borghese. Cuarón, ispirato dalle figure femminili della sua infanzia, tesse un'ode al matriarcato che ha caratterizzato la sua esistenza. Un vivo ritratto del conflitto domestico e della gerarchia sociale in un momento di disordini politici, raccontato attraverso le vicende della domestica Cleo) e della sua collaboratrice Adela, entrambi di discendenza mixteca, che lavorano per una piccola famiglia borghese nel quartiere Roma a Città del Messico. Sofia, madre di quattro figli, deve fare i conti con l'assenza del marito, mentre Cleo affronta una notizia devastante che rischia di distrarla dal prendersi cura dei bambini di Sofia, che lei ama come se fossero i propri. Girato in un moderno bianco e nero, Roma è un ritratto di vita vera, intimo e toccante, raccontato attraverso le vicende di una famiglia che cerca di preservare il proprio equilibrio in un momento di lotta personale, sociale e politica. Film vincitore del Leone d'oro alla 75ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

 


 

Da Martedì 15 a Giovedì 17 Gennaio
GIRL

Regia di Lukas Dhont.  Con Victor Polster, Arieh Worthalter, Oliver Bodart, Tijmen Govaerts,  Katelijne Damen 
Drammatico – Durata: 105 minuiti – Belgio, 2018

Lara ha quindici anni e un sogno, diventare una ballerina professionista. Ci prova ogni giorno Lara, alla sbarra, in sala, davanti allo specchio, nascondendo al mondo il suo segreto. Lara vuole danzare come una ragazza ma è nata ragazzo e deve fare i conti con un corpo che non ama, trasfigurandolo attraverso la danza e trasformandolo con gli ormoni. Seguita da un padre amorevole e un’équipe di medici che l’accompagnano psicologicamente nel passaggio di genere, insegue sulle punte il giorno dell’emancipazione da un corpo che odia fino a spezzarlo. Girl è un film sull’impazienza della giovinezza, sulla sofferenza del corpo e sul percorso di un’anima per diventare se stessa. Nelle lunghe e straordinarie sequenze di danza, la protagonista prova con tenacia e altrettanto dolore a riprendere possesso del suo corpo, a domarlo, a correggerlo, a piegarlo alla sua volontà. Un corpo a misura del suo desiderio. Un corpo che chiede spazio a quel padre presente e accogliente che impara con lei a lasciarla andare, che si aggrappa emozionato gli ultimi bagliori della sua infanzia.

 


 

 

 

Da Martedì 22 a Giovedì 24 Gennaio
TROPPA GRAZIA

Regia di Gianni Zanasi  Con Alba Rohrwacher, Elio Germano, Giuseppe Battiston, Hadas Yaron
Commedia – durata: 110 minuti - Italia, 2018

Lucia è una geometra che vive da sola con sua figlia. Mentre si arrangia tra mille difficoltà, economiche e sentimentali, il Comune le affida un controllo su un terreno scelto per costruire una grande opera architettonica. Lucia nota che nelle mappe del Comune qualcosa non va, ma per paura di perdere l’incarico decide di non dire nulla. Il giorno dopo, mentre continua il suo lavoro, viene interrotta da quella che le sembra una giovane "profuga". Lucia le offre 5 euro e riprende a lavorare. Ma la sera, nella cucina di casa sua, la rivede all’improvviso, davanti a lei. La "profuga" la fissa e le dice: "Vai dagli uomini e dì loro di costruire una chiesa là dove ti sono apparsa..."  Troppa grazia guarda in modo surreale e ironico all’Italia che spera sempre nel miracolo, nel deus ex machina, nel sotterfugio per poter campare e prosperare, in cui l’assenza di risposte o speranze concrete si riversa nel bisogno del soprannaturale, dell’imprevisto: e allora l’apparizione di una Madonna come raramente se ne sono viste, diretta, concreta, anche sanguigna e severa e buffa, sono la speranza di un mondo migliore qui, se non esiste l’aldilà.

 


 

Da Martedì 29 a Giovedì 31 Gennaio
DISOBEDIENCE

Regia di Sebastián Lelio. Con Rachel Weisz, Rachel McAdams, Alessandro Nivola, Cara Horgan 

Drammatico – Durata: 114 minuti – Gran Bretagna, 2017


Ambientato nella comunità ebraica della Londra contemporanea, il film segue le vicende dell’emancipata e anticonformista Ronit, che torna a casa per i funerali del padre. Qui ritrova la timida Esti, con la quale aveva avuto un amore giovanile e che ora è sposata con Dovid, loro amico comune d’infanzia.  L’incontro tra i tre riporta alla luce vecchi conflitti e passioni proibite.  Quella di Disobedience, seppur ambientata all’interno di un preciso contesto, è una storia dai caratteri universali. Nella disobbedienza portata avanti dalle due protagonista traspare tutta la loro umanità, con i loro dubbi e difetti, la loro voglia di libertà personale e autorealizzazione. Temi questi già affrontati precedentemente da Lelio, che infonde la sua tipica delicatezza nella narrazione sin dalla sceneggiatura, e che con un’elegante regia riesce a trasporre le sensazioni interne dei personaggi nell’ambiente circostante.


 

 

Da Martedì 5 a Giovedì 7 Febbraio
LA DONNA ELETTRICA

Regia di Benedikt Erlingsson con Halldóra Geirharðsdóttir, Jóhann Sigurðarson, Davíð Þór Jónsson  Commedia – Durata: 101 minuti – Islanda, 2018

Halla è una donna single di circa cinquant'anni che dirige un piccolo coro nella verde ed educata Islanda. La sua esistenza quotidiana e insospettabile nasconde un segreto:  Halla è infatti anche l'ecoterrorista a cui il governo e la stampa danno la caccia da mesi, per i ripetuti sabotaggi che ha compiuto contro le multinazionali siderurgiche che stanno attentando alla sua splendida terra. Halla, insomma, non resta in casa a farsi bombardare dalle notizie e dalle immagini catastrofiche che arrivano dalla televisione, esce, agisce e punta in alto, a salvare il mondo. Punta letteralmente in alto, scagliando le sue frecce contro l'industria nazionale per cercare di fare breccia nelle coscienze di politici e conterranei.  Una visione salutare e gradevolissima, che, sotto la confezione leggera, fa la sua dichiarazione al mondo attraverso il megafono del cinema, con modi garbati ed evitando di prendersi troppo sul serio. In questa operazione, di sdrammatizzazione da un lato ed eleganza del tocco, dall'altro, ha un ruolo fondamentale il disegno sonoro del film, sofisticato ed elettrizzante, con la messa in scena ritmica ed umoristica del trio di musicisti.

 


 

Da Martedì 12 a Giovedì 14 Febbraio
IN GUERRA

Regia di Stéphane Brizé  Con Vincent Lindon, Mélanie Rover, Jacques Borderie, David Rey, Olivier Lemaire Drammatico – Durata:  105 minuti – Francia, 2018

La fabbrica Perrin, un'azienda specializzata in apparecchiature automobilistiche dove lavorano 1100 dipendenti che fa parte di un gruppo tedesco, firma un accordo nel quale viene chiesto ai dirigenti e ai lavoratori uno sforzo salariale per salvare l'azienda. Il sacrificio prevede, in cambio, la garanzia dell'occupazione per almeno i successivi 5 anni. Due anni dopo l'azienda annuncia di voler chiudere i battenti. Ma i lavoratori si organizzano, guidati dal portavoce Laurent Amédéo, per difendere il proprio lavoro.  Un film dalle tinte forti, come la stessa scelta del titolo preannuncia. Il ritmo serrato, incalzante, l’intensità di Vincent Lindon e degli altri attori, che, pur se non professionisti, riescono perfettamente ad esprimere la drammaticità del conflitto, lo rendono un’opera potente, a tratti quasi da pugno nello stomaco. La decisione presa da Amédeo spiazza, lascia interdetti sia gli spettatori in sala sia quelli sullo schermo.


 

Da Martedì 19 a Giovedì 21 Febbraio
SENZA LASCIARE TRACCIA

Regia di Debra Granik  Con Ben Foster, Thomasin McKenzie, Jeff Kober, Dale Dickey, Peter James DeLuca  
Drammatico – Durata:  108 minuti – U.S.A. 2018

Il film racconta la storia di una ragazza adolescente e suo padre  che per anni hanno vissuto di nascosto in Forest Park, un grande bosco situato alle porte di Portland, in Oregon. Un incontro casuale li poterà allo scoperto, ed entrambi saranno costretti a lasciare il parco per essere affidati agli agenti dei servizi sociali. Proveranno ad adattarsi alla nuova situazione, fino a che una decisione improvvisa li porterà ad affrontare un pericoloso viaggio in mezzo alla natura più selvaggia, alla ricerca dell’indipendenza assoluta. Un'America diversa, ma anche un cinema che sia capace di raccontarla. Indipendenza è la parola d'ordine per Debra Granik, già nominata all'oscar per Un gelido inverno. Qui si spinge ancora oltre i margini di chi vive alla Walden, in mezzo ai boschi, rinnegando le regole della società contemporanea.


 


 

Da Martedì 26 a Giovedì 28 Febbraio
STYX

Regia di Wolfgang Fischer  Con Susanne Wolff, Gedion Wekesa Oduor, Alexander Beyer, Inga Birkenfeld  Drammatico – Durata: 94 minuti – Germania, 2018

Una dottoressa decide di prendersi una pausa dal lavoro e di salpare in solitaria sulla sua barca a vela da Gibilterra ad un’isola incontaminata nell’Oceano Pacifico. Il suo viaggio sembra scorrere serenamente finché, dopo una brutta tempesta, si imbatte in un peschereccio arenato pieno di profughi africani in grave difficoltà. Alcuni di loro provano a raggiungerla, ma solo un giovane ragazzo ce la fa. Insieme cercano di chiamare i soccorsi che tardano ad arrivare, mentre la situazione si fa sempre più drammatica. La donna si troverà quindi ad un bivio: provare ad aiutare gli uomini e le donne bloccati sull’imbarcazione oppure farsi da parte ed aspettare aiuti adeguati.  Scandito in tre capitoli, di cui buona parte senza dialoghi, nonostante il contesto realistico Styx è anche una potente metafora dell'ignavia dell'Occidente di fronte alla morte in mare di migliaia di persone, molte delle quali bambini e adolescenti. Ma parla anche della frustrazione, dell'impotenza e del dolore di chi vorrebbe aiutare e non sa come fare, anche perché spesso gli viene impedito di farlo. Concepito prima della chiusura dei porti, è un film di finzione che parla la verità del documentario, girato in condizioni di estrema difficoltà e con una forma sempre funzionale al contenuto.


 

Da Martedì 5 a Giovedì 7 Marzo
NON CI RESTA CHE VINCERE

Regia di Javier Fesser  Con Javier Gutiérrez, Sergio Olmo, Julio Fernández, Jesús Lago, José de Luna  
Commedia – Durata:  124 minuti – Spagna, 2018

Marco è allenatore di una squadra di basket professionista di alto livello. Sorpreso alla guida in stato di ebrezza viene condannato a una pena da svolgere per un interesse generale. Per ordine del giudice deve quindi organizzare una squadra di basket composta da persone con un deficit mentale. Ciò che era cominciato come una pena si trasforma in una lezione di vita sui pregiudizi sulla normalità. Tutti i giocatori della squadra di basket sono interpretati da attori disabili. Una commedia ricca di buoni sentimenti e piena di comicità brillante. La trama è ispirata a vicende reali ed affronta temi difficili con leggerezza e creando molti spunti di riflessione senza scadere nel patetismo o nella retorica. Ma il vero punto di forza del film sono i protagonisti diversamente abili che interpretano un gruppo di simpatici e imbranati giocatori  di pallacanestro pieni di voglia di vivere, nonostante le difficoltà.

 

 


 

Da Martedì 12 a Giovedì 14 Marzo
OVUNQUE PROTEGGIMI

Regia di Bonifacio Angius Con Alessandro Gazale, Francesca Niedda, Antonio Angius, Gavino Ruda Drammatico – Durata: 94 minuti – Italia, 2018

Alessandro, cinquantenne alienato e collerico, vive con la madre e spende la sua vita nei bar dove beve, beve tanto. Dal padre ha ereditato la musica e una 'camicia ideale', la più bella, da indossare quando canta per un pubblico locale sempre più ridotto. Dopo una crisi e un ricovero coatto, incontra Francesca, una giovane donna fragile che col senno ha perso la custodia di suo figlio. Congedati dalla clinica e legati da una notte d'amore, infilano la strada per Cagliari e una fuga alla ricerca di un bambino e di un'accettazione (affettiva e sociale) da sempre negata.  Un film bellissimo e malato, denso e sottile, che obbliga a ridefinire la nozione volatile di follia.


Da Martedì 19 a Giovedì 21 Marzo
LONTANO DA QUI

Regia di Sara Colangelo Con Maggie Gyllenhaal, Parker Sevak, Gael García Bernal, Anna Baryshnikov
Drammatico – Durata:  96 minuti – U.S.A. 2018

Lisa Spinelli è una maestra d'asilo con la passione per la poesia, tanto che i suoi figli ormai quasi adulti la trovano trasformata dalle lezioni che sta seguendo e il marito sente di essere un po' trascurato. Lisa non è di per sé molto dotata, ma sa riconoscere il talento altrui e rimane folgorata da quello di un bambino dell'asilo, Jimmy, che ogni tanto cammina avanti e indietro come in trance recitando poesie impressionanti. Lisa decide di proteggerlo da una società indifferente al suo talento e fa il possibile per educarlo, spingendosi però molto oltre i limiti della sua professione a intraprendendo quasi una crociata personale. Con questo remake dell’omonimo film israeliano del 2014 di Nadav Lapid, la regista porta avanti un progetto d’effetto e provocatorio, che indaga sull’impoverimento culturale dei nostri tempi, sottolineato e combattuto da quella che la critica definisce una delle migliori performance di Maggie Gyllenhaal.

 

 


Da Martedì 26 a Giovedì 28 Marzo
L'ALBERO DEI FRUTTI SELVATICI

Regia di Nuri Bilge Ceylan. Con Dogu Demirkol, Murat Cemcir,   Bennu Yildirimlar, Hazar Ergüçlü, Serkan Keskin.
Drammatico  –  Durata:  188 minuti  – Turchia, 2018

Sinan si è appena laureato e torna a casa, nel villaggio turco di Can. Il suo sogno è pubblicare il manoscritto su cui ha lungo lavorato e che racconta il suo mondo in maniera fortemente personale. Ma poichè non è un racconto spendibile a scopo turistico nessuno sembra interessato a pubblicarlo. Inoltre il padre di Sinan, il maestro elementare Idris, ha accumulato debiti attraverso le scommesse sulle corse dei cavalli e i suoi creditori si rivolgono continuamente al figlio per ottenere una restituzione.  Uno sguardo visivamente elegantissimo nella Turchia di periferia, che guarda alla grande città da lontano, proprio mentre diverse generazioni si confrontano sul legame da mantenere con la propria terra e sulla voglia di viaggiare altrove, facendosi la propria idea del mondo, a costo di mettere in discussione quella dei genitori e del proprio ambiente rurale.

 


Da Martedì 2 a Giovedì 4 Aprile
TRE VOLTI

Regia di Jafar Panahi Con Behnaz Jafari, Jafar Panahi, Marziyeh Rezaei, Maedeh Erteghaei, Narges Delaram
Drammatico – Durata:  102 minuti – Iran, 2018

Una celebre attrice iraniana riceve il video delirante di una ragazza che implora il suo aiuto per fuggire un destino che non è il suo. Marziyeh sogna di fare l'attrice ad ogni costo, anche a quello di suicidarsi. Allevata in un villaggio di montagna e nel rispetto delle tradizioni, la ragazza è allieva del conservatorio a Teheran ma un fratello autoritario e aggressivo la costringe a una vita rispettosa delle regole. Almeno fino a quando l'attrice prediletta non si mette in viaggio per raggiungerla e stabilire la verità sulla natura reale o simulata del suo suicidio.  Il film ci conduce nell’Iran profondo, quasi arcaico in alcune abitudini sociali ben lontane rispetto alle aperture alla modernità degli appartamenti chiusi della capitale Tehran. Ma al centro del film sono comportamenti eterni, i sogni di un futuro migliore, l’amore per una figlia che rischia di soffocarla, e lui, Panahi, sornione cantore di queste avventure al femminile, dopo Taxi Tehran sempre più a suo agio alle prese come attore.

 


 

Da Martedì 9 a Giovedì 11 Aprile
GREEN BOOK

Regia di Peter  Farrelly  Con Viggo Mortensen, Linda Cardellini, Mahershala Ali, Don Stark, P.J. Byrne
Drammatico – Durata: 130 minuti – U.S.A. 2018

Il film è basato sulla storia vera di Shirley, un virtuoso della musica classica, e del suo autista temporaneo nel loro viaggio attraverso il pregiudizio razziale e le reciproche differenze.
Il buttafuori Tony Lip, un italoamericano con un'educazione piuttosto sommaria nel 1962 venne assunto come autista da Don Shirley, uno dei pianisti jazz afroamericani più famosi al mondo. Lo scopo? Guidarlo da New York fino agli stati del Sud, in posti dove i diritti civili degli afroamericani sono ben lontani dall'essere legittimamente acquisiti. Shirley si affida per il viaggio al libro Negro Motorist Green Book: una mappa di motel, ristoranti e pompe di benzina in cui anche gli afroamericani sono ben accolti. Dovendosi confrontare con il razzismo ma anche l'umanità delle persone che incontrano, Lip e Shirley impareranno prima di tutto a conoscersi e rispettarsi a vicenda.

 

 


Da Martedì 16 a Giovedì 18 Aprile
DAFNE

Regia di Federico Bondi Con Carolina Raspanti, Antonio Piovanelli, Stefania Casini.
Drammatico – Durata: 94 minuti – Italia, 2019

Una trentacinquenne portatrice della sindrome di Down, esuberante e trascinatrice, sa organizzare da sola la sua vita ma vive ancora insieme ai genitori, Luigi e Maria. Quando Maria muore all'improvviso, gli equilibri familiari vanno in frantumi. Luigi sprofonda nella depressione e Dafne non è solo spinta a confrontarsi con la perdita ma deve anche sostenere il genitore. Finché un giorno accade qualcosa di inaspettato: insieme decidono di affrontare un trekking in montagna, diretti al paese natale di Maria. Lungo il cammino, scopriranno molte cose l'uno dell'altra e impareranno entrambi a superare i propri limiti.

 

 

 

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

 

I commenti sono chiusi