Al Cinema Roma: Documentario sul merletto di Cantù

Al Cinema Roma di Seregno
Sabato 7 maggio alle ore 16.00
verrà proiettato
FARE E DISFARE L'E' SEMPRE UN LAVORARE
Un documentario sul merletto di Cantù
di Cristiana Donghi e Giuseppe Bilotti
Ingresso Libero

Fare e disfare l'è sempre un lavorare

La produzione artigianale del merletto canturino trova le sue origini nel 1600 quando l’ordine religioso delle Benedettine introdusse l’arte del pizzo a tombolo e le monache lo insegnarono alle converse. Il pizzo, o merletto, adattandosi alle esigenze economiche e industriali del
nostro tempo, ha conservato le sue caratteristiche di eleganza preziosa, di leggerezza e di lusso. Oggi, in seguito alla collaborazione delle merlettaie con alcuni designers
come Alessandro Mendini e artisti come il musicista Yuval Avital, il pizzo a tombolo rinasce, e l’obiettivo è che i pizzi di Cantù diventino patrimonio dell’Unesco.
Attraverso i racconti delle merlettaie arriviamo a comprendere un’arte antica fatta di pazienza, una disciplina per l’anima. Alessandro Mendini propone un’interpretazione tutta personale del pizzo a tombolo creando delle opere particolari e introducendo il colore.
Yuval Avital nella sua installazione icono-sonora, in dialogo con il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto nella sua opera collettiva “Alma Mater” rende protagoniste le merlettaie di Cantù, in una cornice suggestiva di luci, curate da Enzo Catellani, e suoni, una foresta di 140
altoparlanti. Le allieve delle scuole di pizzo si interrogano sul futuro di quest’arte, su
come mantenerla in vita, e al contempo alcune ragazze inventano un pizzo moderno, cercando di non snaturare l’originale, che abbia maggiore commerciabilità.

Spettacolo unico ore 16.00 - ingresso libero

Dati tecnici:

Regia: Cristiana Donghi e Giuseppe Bilotti
Partecipazioni: Alessandro Mendini, Yuval Avital e le merlettaie del canturino
Origine: Italia 2016
Durata: 65 minuti

1 Risposta

  1. Documentary Film Magazine, DOX, и una rivista di cinema internazionale interamente dedicata al cinema documentario.

Lascia un commento